Più volte ho ribadito che la più grande arma di distruzione di massa non è la bomba atomica.

Ma la psicologia. Attraverso la psicologia i poteri forti, indirizzano le informazioni a loro piacimento raccogliendo consensi dalla massa felice di appoggiare i loro programmi.

Nel calcio funzionava in questo modo; C’è un procuratore, dei giornalisti complici, un calciatore mediocre. Il procuratore incarica i giornalisti di dare al giocatore mediocre per ogni gara disputata voti più alti in pagella pur non meritandoli, e di scrivere giudizi positivi negli articoli anche se non rispecchiano la realtà. Magicamente in breve tempo quel giocatore mediocre diventa un buon giocatore e la sua quotazione sale. Il risultato è ingaggi più alti per il giocatore, e più soldi per il procuratore.. ovviamente anche i giornalisti avranno avuto la loro fetta.. E chi contestava il non talento del giocatore? Ovviamente veniva screditato etichettandolo come non conoscitore di calcio.

Ora cosa c’entra questo con l’ecologia e il riscaldamento globale? L’architettura è simile.

Noi siamo ignari di certi meccanismi finanziari e di come creare soldi dal nulla, ma chi ha fiuto d’affari lo sa fare molto bene. Allo stesso modo del procuratore veicola delle informazioni (non corrette) con argomentazioni che toccano il cuore delle masse. Come l’ecologia, per esempio e la campagna per avere un futuro più verde.

Quindi ci martellano con i media che è colpa del nostro comportamento se il clima è cambiato i ghiacciai si sciolgono ecc.. dobbiamo fare qualcosa!

Ma siamo sicuri che sia tutto vero?

Del nostro pianeta sappiamo molte cose, ed anche che ha dei cicli prestabiliti. Nei vari testi sacri si parla del famoso diluvio universale (che in realtà fu più di uno). Un libro sul diluvio scritto da due ricercatori oceanografici dimostra perfettamente che questo fenomeno chiamato diluvio universale si è potuto verificare per una semplice ragione. Ci fu un innalzamento della temperatura terrestre portando a sciogliere parte dei ghiacciai, la conseguente maggior evaporazione acquea ad abbondanti piogge. C’è molta nomenclatura in merito a questo. Allora non esistevano fabbriche e automobili. Ora il mio intento non è di screditare tutto ciò che si può fare per una vita più “verde”.

Ma evidenziare le falsità di affaristi che sfruttano l’ecologia per una nuova fonte di guadagno.

La produzione di auto elettriche è più distruttiva ed inquinante delle auto a motore endotermico.

La produzione di batterie altamente inquinanti di cui ancora non c’è un piano di smaltimento ben preciso, ha costi elevati in ambito di sfruttamento del lavoro. La produzione di energia elettrica per ricaricare le batterie non è ancora eco-sostenibile. Se si analizza tutta la filiera di produzione costi benefici, non si trova alcun miglioramento in fatto di CO2, anzi è molto peggio.

Con questo stratagemma e leggi appositamente emanate vogliono impostare un cambio di sistema che non comporterà nessun vantaggio al pianeta e al consumatore, ma solo alle tasche di qualcuno.

Non ho mai sentito nessuno parlare del massiccio inquinamento delle navi mercantili e da crociera, o degli aeroplani. La filiera della carne è altamente inquinante. Tra l’utilizzo dei terreni agricoli per il bestiame, l’allevamento, e produzione nonché il consumo della carne, hanno un impatto sostanziale sull’inquinamento, ma pochi ne parlano. E ci sarebbero tanti altri esempi…

Sicuramente bisogna fare quanto possibile ed impegnarci per rispettare il nostro pianeta.

Bisogna vigilare e stare attenti perché sono molti gli interessi nascosti di molte lobby che cavalcano la green economy.

Un mondo eco-sostenibile è possibile, attraverso logiche e ricerche valide e sopratutto guardando a fondo cosa e chi c’è dietro al progetto.

Sovranità Italiana – Informare per cambiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *