Come tutti sanno il Covid non è certo l’epidemia (o pandemia se preferite) più pericolosa della storia e fra quelle più catastrofiche possiamo ricordare
la peste durante la guerra del Peloponneso, 430 a.C. La febbre tifoide uccise un quarto delle truppe di Atene ed un quarto della popolazione, nel giro di quattro anni. Questa malattia fiaccò la resistenza di Atene, ma la grande virulenza della malattia ha impedito un’ulteriore espansione, in quanto uccideva i suoi ospiti così velocemente da impedire la dispersione del bacillo. La causa esatta di questa epidemia non fu mai conosciuta. Nel gennaio 2006 alcuni ricercatori della Università di Atene hanno ritrovato, nei denti provenienti da una fossa comune sotto la città, presenza di tracce del batterio.

Tucidide, il maestro che raccontò la peste
Tucidide, il maestro che raccontò la peste

Peste Antonina, 165-180. Una pandemia presumibilmente di vaiolo, portata dalle truppe di ritorno dalle province del Vicino Oriente, uccise cinque milioni di persone. Fra il 251 e il 266 si ebbe il picco di una seconda pandemia dello stesso virus; pare che a Roma in quel periodo morissero 5.000 persone al giorno. Morbo di Giustiniano, a partire dal 541; fu la prima pandemia nota di peste bubbonica. Partendo dall’Egitto giunse fino a Costantinopoli; secondo lo storico bizantino Procopio, morì quasi la metà degli abitanti della città, a un ritmo di 10.000 vittime al giorno. La pandemia si estese nei territori circostanti, uccidendo complessivamente un quarto degli abitanti delle regioni del Mar Mediterraneo orientale.

La Peste Antonina | ROMA EREDI DI UN IMPERO
La Peste Antonina (165-180 d.C.)

La Peste nera, a partire dal 1300; ottocento anni dopo la strage di Costantinopoli, la peste bubbonica fece il suo ritorno dall’Asia in Europa. Raggiunse l’Europa occidentale nel 1348, fu causata dall’assedio tartaro alla colonia genovese di Caffa (l’odierna Feodosia) nel 1346 e, successivamente, portata in Sicilia dai mercanti italiani provenienti dalla Crimea, diffondendosi in tutta Europa e uccidendo venti milioni di persone in sei anni (un terzo della popolazione totale del continente).

La Peste Nera del Trecento
Peste Nera del Trecento: causa, diffusione.


Il tifo, chiamato anche “febbre da accampamento” o “febbre navale” perché tendeva a diffondersi con maggiore rapidità in situazioni di guerra o in ambienti come navi e prigioni. Emerso già ai tempi delle Crociate, colpì per la prima volta l’Europa nel 1489, in Spagna. Durante i combattimenti a Granada, gli eserciti cristiani persero 3.000 uomini in battaglia e 20.000 per l’epidemia. Sempre per via del tifo, nel 1528 i francesi persero 18.000 uomini in Italia; altre 30.000 persone caddero nel 1542 durante i combattimenti nei Balcani. La grande armée di Napoleone fu decimata dal tifo in Russia nel 1811. Il tifo fu anche la causa di morte per moltissimi reclusi dei campi di concentramento nazisti durante la Seconda guerra mondiale

Il tifo, dalla sporcizia nel Medioevo alla carestia nella guerra civile  russa - BergamoNews
Raffigurazione in una stampa dell’epoca

Pandemie di colera:
1816-1826: precedentemente confinata all’India, la malattia si diffuse dal Bengala fino alla Cina e al Mar Caspio;
1829-1851: toccò l’Europa (Londra nel 1832), Canada, e Stati Uniti (costa del Pacifico); 1852-1860: principalmente diffusa in Russia, fece più di un milione di morti; 1863-1875: diffusa principalmente in Europa e Africa;
1899-1923: ebbe poco effetto sull’Europa grazie anche ai progressi nella salute pubblica; la Russia ne fu di nuovo colpita duramente;
1960-1966: l’epidemia chiamata El Tor colpì l’Indonesia, raggiunse il Bangladesh nel 1963, l’India nel 1964, e l’Unione Sovietica nel 1966.

L'epidemia di colera del 1867 nelle circolari della Prefettura di Como - Il  Dieci Erba
L’epidemia di colera del 1867 a Como

L’influenza spagnola, 1918-1919. Iniziò nell’agosto del 1918 in tre diversi luoghi: Brest, in Francia; Boston, nel Massachusetts; e Freetown in Sierra Leone. Si trattava di un ceppo di influenza particolarmente violenta e letale. La malattia si diffuse in tutto il mondo, uccidendo 25 milioni di persone (secondo alcuni di più) in 6 mesi (circa 17 milioni in India, 500.000 negli Stati Uniti e 200.000 nel Regno Unito). Sparì dopo 18 mesi. Il ceppo esatto non fu mai determinato con precisione.

La Spagnola: la grande pandemia del 1918
Mascherine anti contagio a Londra

L’influenza asiatica, 1957-1958. Rilevata per la prima volta in Cina nel febbraio del 1957, raggiunse gli Stati Uniti nel giugno dello stesso anno, facendo circa 70.000 morti. Il ceppo era lo H2N2.
L’influenza di Hong Kong, 1968-1969. Il ceppo H3N2, emerso a Hong Kong nel 1968, raggiunse nello stesso anno gli Stati Uniti e fece 34000 vittime. Un virus H3N2 è ancora oggi in circolazione.

Le altre pandemie italiane, viste dai giornali - Il Post
La pandemia di asiatica vista dai giornali

L’epidemia di HIV/AIDS, dal 1981. Si propagò in maniera esponenziale in tutti i paesi del mondo, uccidendo circa tre milioni di persone (stime UNAIDS). Dal 1996 una terapia farmacologica blocca il decorso della sindrome immunodepressiva (per lo meno in quei paesi in cui i malati possono accedere ai farmaci), ma non elimina il virus dai corpi degli individui; sebbene la malattia sia oggi cronicizzabile e raramente letale (nel mondo sviluppato), ne continua il contagio, legato a fattori comportamentali.

La storia sulla diffusione dell'AIDS non è come ce l'hanno raccontata - Il  Post
Manifestazione del 23 giugno 1990

L’influenza A H1N1, pandemia tra il 2009 e agosto 2010, denominata originariamente “influenza suina” perché trasmessa da questo animale all’uomo. Il suo focolaio iniziale ha avuto origine in Messico, estendendosi poi in soli 2 mesi a quasi 80 paesi. In Europa e paesi limitrofi, al 31-08-2009 i casi accertati erano 46.016 e le morti accertate 104. Nel resto del mondo i casi di morte accertati furono 2.910. Nel mese di agosto 2010 l’OMS ha dichiarato chiusa la fase pandemica. Attualmente il virus H1N1 si comporta similmente ad altri virus stagionali (cosiddetta fase post-pandemica).
La pandemia di COVID-19 del 2019-2020, è una pandemia della malattia respiratoria COVID-19 (o comunemente chiamata “coronavirus”) causata dal coronavirus SARS-CoV-2, proveniente da Wuhan (Cina) e diffusasi rapidamente in tutto il resto del mondo nel 2020. L’11 marzo 2020, è diventata la prima epidemia ad essere dichiarata pandemia dall’OMS dopo la pubblicazione delle linee guida del 2009.

Bene… Credo che la “Carrellata dell’orrore” possa terminare qui. Ma a cosa serviva ricordare qualche epidemia (o pandemia che dir si voglia) della storia recente e remota? Certamente lo sapevate già tutti e non ho certo la pretesa di aver aggiunto nulla alla cultura di ognuno di noi. Ed infatti non era quello lo scopo principale. Quello che mi premeva dire è che, similmente a tutte le altre, anche l’epidemia di Covid finirà e ci troveremo a dover raccogliere delle macerie per le quali il contributo del virus sarà stato molto più basso del contributo della Politica. Trent’anni passati a distruggere la sanità in nome del “Pareggio di Bilancio” hanno ridotto il mondo a non avere risorse per gestire le emergenze al punto che un popolo di sessanta milioni di persone va in crisi per poco più di tremila ricoveri in terapia intensiva. Ed ecco perché il problema della gestione del Covid (non dei virus: quello c’è e ne verranno altri in futuro ma della sua gestione) non è un problema contingente e neppure una emergenza come vogliono farci credere ma un problema che deriva da una carenza strutturale creata in trent’anni di tagli per favorire il passaggio di valore dal popolo che lo produce alla finanza che si limita a emettere denaro e prestarlo.

Ed ecco perché noi non diamo troppo spazio al Virus: primo perché non amiamo le speculazioni e non vogliamo trarre vantaggi da una facile lotta contro un nemico odiato da tutti, secondo perché sappiamo bene che lottare ora contro i fantasmi rappresenta una battaglia persa in partenza perché non abbiamo ancora la forza politica per fare alcunché ma questo non significa che non stiamo facendo nulla: stiamo informando le persone per costruire quella forza politica che ribalterà il concetto dominante del “fare le cose in funzione del denaro che c’è” nel nuovo concetto “si emette il denaro necessario e sufficiente a fare le cose che servono”.

Ora sembra poco e pochi lo capiscono… Ma arriverà il momento.

Davide Carlo Serra

Davide Serra

Di Davide Serra

Presidente di Sovranità Italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *